Respirare… con la testa!

Respirare… con la testa!

Lo sapevi che per respirare con la testa, bisogna farlo con la pancia? No, non è un indovinello, né una domanda a trabocchetto. Respiriamo continuamente, e come per ogni meccanismo semi involontario il nostro cervello fa in modo che non ce ne accorgiamo mentre lo facciamo. Uno stratagemma utile, che ci permette di concentrarci sulle altre attività che svolgiamo senza venire “distratti” da una nostra funzione fisiologica. Paradossalmente però questo ci porta a non pensare praticamente mai alla nostra respirazione, cosa invece molto utile anche per controllare il nostro umore e il nostro livello di stress.

Quando siamo stressati i nostri respiri tendono a diventare più brevi e frequenti, e talvolta interrompiamo persino la nostra respirazione – quando un’emozione “ci toglie il fiato”, per intenderci. Questo abbassa il livello di ossigeno nel sangue e innesca un meccanismo che ci porta a sentirci ancora più sotto pressione e a disagio. Ma se ogni tanto ci ricordiamo di fermarci da quello che stiamo facendo e dedichiamo anche solo 30 secondi a concentrarci sulla respirazione possiamo trarne enormi benefici. Ecco alcuni esercizi molto semplici, da poter fare praticamente ovunque e in qualsiasi momento della giornata.

stress e esercizi di respirazione

Restando seduti, con la schiena bene appoggiata allo schienale, rilassa le braccia appoggiando le mani sulle ginocchia. Chiudi gli occhi, o concentra lo sguardo su qualcosa di piacevole, ed inspira profondamente dal naso contando fino a cinque. Dopo una brevissima pausa espira dalla bocca, lentamente, contando fino a 10 stavolta, soffiando l’aria come se volessi spegnere una candela. Ripeti questa sequenza per tre o cinque volte.

Sdraiati in posizione supina, rilassati e lascia le braccia rilassate lungo i fianchi. Inspira lentamente dal naso, sempre contando fino a cinque, cercando però di spingere verso il basso con il diaframma, ovvero gonfiando la pancia e lasciando il torace abbassato, e rilassato. Immagina di avere un libro, o un mattone sulla pancia e di volerlo sollevare. Espira sempre lentamente contando fino a dieci e soffiando con la bocca. Immagina che sia il peso stesso di quel libro o di quel mattone a spingere verso il basso la tua pancia, sgonfiandola. Questo esercizio è perfetto per rilassarsi completamente prima di mettersi a dormire.

L’ultimo esercizio che ti suggeriamo è invece da farsi in piedi. Appoggia bene il tuo peso in modo uniforme sulla pianta di entrambi i piedi, che devono restare paralleli l’uno rispetto all’altro, ad una distanza reciproca pari grosso modo all’ampiezza delle proprie spalle. Immagina che sulla cima della tua testa ci sia un filo, che ti tende verso l’alto come un burattino: questo ti aiuterà ad assumere una posizione verticale stabile. Lascia le braccia rilassate lungo i fianchi, ed esegui la respirazione come descritta nel primo esercizio.

Fare questi esercizi di tanto in tanto durante la giornata allevia moltissimo la carica di stress, e ti aiuterà, in pochissimi minuti, a tornare alle tue attività abituali con più serenità e buonumore!

Lascia il tuo commento