Il potere anti invecchiamento del PH alcalino

Il potere anti invecchiamento del PH alcalino

Ed eccoci ad approfondire nello specifico gli effetti benefici sul nostro organismo di una pratica alcalinizzante.
Perché è così importante avere un PH della matrice extracellulare alcalino? Un corpo alcalino invecchia meno e sicuramente meglio. Vediamo perché.

Il ruolo della funzione cellulare nei processi vitali di ogni organismo animale, uomo compreso, é fortemente condizionato dall’ecosistema che circonda le cellule che compongono organi e tessuti.
Tale ecosistema è chiamato “matrice extracellulare”, la cui funzione va ben al di là di un ruolo puramente meccanico di riempimento degli spazi fra cellula e cellula.
Pensare alla cellula come la più piccola unità funzionale dell’organismo, dotata di vita propria e isolata dal contesto nel quale si trova a vivere, è stato ed è utile ad intervenire negli eventi acuti, dove è necessario apportare rapidissimi aggiustamenti della biochimica cellulare e delle interazioni fra le varie cellule di uno o più organi.
Questa visione risulta però insufficiente a comprendere quelle situazioni dove il determinismo causale lascia il posto alla multi-causalità e ad una interazione complessa fra più sistemi biologici.

Per semplificare, potremmo dire che le malattie acute si curano con efficacia anche ricorrendo al ragionamento causa-effetto (batterio/antibiotico, spasmo/antispastico, allergia/vaccino anti allergico, etc…), mentre le malattie più complesse, che tendono alla cronicità, richiedono un pensiero più fluido, capace di immaginare la interconnessione fra cellula ed ambiente extracellulare, fra cellule di un organo e quelle di un altro organo, fra organi di un apparato e organi di un altro apparato.
La matrice extracellulare è collegata al Sistema ghiandolare endocrino tramite i capillari, le venule ed i linfatici; è collegata al Sistema Nervoso Centrale tramite le terminazioni nervose libere sensoriali e neurovegetative che in essa pescano.
In questo senso, la stabilità del PH della matrice extracellulare, che deve essere lievemente alcalino (intorno al valore 7,4) condiziona l’attività sia del Sistema Endocrino sia del Sistema Nervoso Centrale. L’alcalinità è condizione indispensabile per una buona funzionalità cellulare, che riesca così a mantenere la sua vitalità nel tempo, rallentando tutti i fenomeni di invecchiamento, che non possono essere arrestati ma rallentati sì e di molto.

Un’altra influenza del PH della matrice extracellulare riguarda il metabolismo del collagene, proteina del tessuto connettivo responsabile della tonicità dei tessuti. A PH alcalino, il collagene esplica appieno le sue funzioni; a PH acido, la sua struttura molecolare si altera, come pure la sua sintesi. Chi ha tessuti in acidosi, peggio ancora se disidratati, avrà un aspetto invecchiato (rispetto all’età anagrafica) e una minore vitalità generale, avendo le cellule più soggette a danni e malfunzionamenti.

Si può affermare dunque, per tutti questi motivi, che ogni strategia anti-invecchiamento passa dal mantenimento di un buon equilibrio acidobase della matrice extracellulare.

 

Manuela Grieco

Lascia il tuo commento